Il progetto Factory nel cuore della cittadina barocca, nasce dal recupero di un locale adibito a beverage già preesistente.

Le linee guida dell’operazione di restiling partono dal vincolo fondamentale rappresentato dalla pavimetazione di colore nero, in piena armonia con i canoni estetici che negli ultimi tempi hanno visto la preponderanza dello stile raw-chic. Viene allestito un bancone centrale, per tutto il necessaire della somministrazione, ricoperto in mattoni rettangolari neri, in stile british così come nelle macellerie d’un tempo. Un retrobanco scarno viene messo in risalto da un gioco di rombi in abete crudo dal colore chiaro in modo da creare un pattern che tramite delle venature di discostamento color rame si riaggancino alle applique ed alle soluzioni d’illuminazione in pieno industrial style.  Le sedute in ferro e tavoli sono completati con sedie in legno in swedish stile mettendo in risalto e sfruttando al meglio gli spazi, tra cui la soluzione di un ripiano a sgabelli sulla vetrina in modo da ottenere più visibilità e convivialità, annullando le barriere locale-strada, quasi un rimarco al confidential street food. Ultima chicca della rivalutazione architettonica dell’immobile è l’applicazione del colore blu oltremare alle pareti per dare valore e corposità alla tecnica di spatolatura applicata precedentemente.

factory

lounge bar & street food

sito: Scicli (Rg)

intervento: interni

progettista: Arch. Francesca Timperanza

committente: privato

progettazione:  2017

realizzazione: 2017

foto:  Francesco Lucifora

FACTORY_9